AlloSponsor.it, la microsponsorizzazione alla francese.

Ideale per i webmaster che vogliono convertire i guadagni

pubblicitari in visite al proprio sito web o blog.



Pubblicita e affiliazione per micro-sponsorizzazione


ATTENZIONE: il sistema di pubblicità AlloSponsor si basa su popunder (che in Firefox si tramutano in nuove schede).
Indice della pagina:
- Premessa
- Chi è AlloSponsor.it?
- Affiliati e inserzionisti, come?
- Cos'è la micro-sponsorizzazione?
- Come funziona la visualizzazione degli annunci?
- Come sono visualizzate le pagine?
- Come si presentano i banner?
- Massimizzare il numero di campagne.
- Proviamo a fare due conti sui guadagni.
- Limitazioni del servizio.
- L'affiliazione a reclutamento.
- Le categorie del circuito AlloSPonsor.
- Pagamenti agli affiliati.
- Alcuni consigli per lo staff di AlloSponsor.



Premessa:

Qualche settimana fa sono stato contattato via mail dalla signorina France di AlloSponsor.it.
L'inizio non è stato dei migliori: la lettera commerciale che mi è pervenuta è stata immediatamente catalogata come SPAM. Infatti la signorina France aveva eseguito una ricerca nel web con il termine "TOP 100" e era solo così arrivata alla pagina dei contatti. Inoltre chiedeva invii di newsletter referenziali, cosa che non sopporto!
A seguito di chiarimenti intercorsi tra France e me, ho potuto ravvisare che il sistema AlloSponsor.it ha comunque alcune caratteristiche degne di essere messe in evidenza, in quanto sono una diversità nel panorama del mercato pubblicitario di internet.
Non sono il tipo che si lascia abbindolare, vi assicuro che la signorina France è stata tartassata di domande. Nemmeno voglio con questa guida incitarvi all'iscrizione al circuito AlloSponsor.
Questa guida vuole mettere a disposizione di altri webmaster la mia esperienza personale, visto anche che sul web non ci sono tante informazioni. Nella guida vi sono alcuni passi e considerazioni che non saranno graditi allo staff di AlloSponsor, tuttavia ritengo che una valutazione distaccata possa far comprendere meglio il sistema delle micro-sponsorizzazioni, nei pregi e nei difetti.



Chi è AlloSponsor.it?

Nel 2002 la società francese Abricot Média SARL (6, rue des Castors 68200 Mulhouse FRANCE) ha lanciato sul web AlloSponsor.com, con l'intento di eseguire micro-sponsorizzazioni.
Dopo la crescita sul territorio francese il webmaster di AlloSponsor ha deciso, spinto dalla stessa signorina France, di porsi sul mercato italiano, mentre è in previsione di lanciare lo stesso progetto sul mercato spagnolo.
Sullo staff di AlloSponsor non vi sono particolari informazioni disponibili sul sito ufficiale, che tra l'altro è molto spartano. Credo che questa sia una delle tante ragioni per cui in Italia questa società continua a incontrare diffidenza, anche da parte mia. La trasparenza aziendale deve essere al primo posto, specialmente quando non si dispone di un marchio blasonato come quello di Google AdSense.
Tra l'altro, deduco che lo staff sia molto risicato, per come mi è stato risposto più volte che IL webmaster era oberato di lavoro per non potersi permettere di aggiornare alcune imperfezioni e inefficienze nel dominio di AlloSponsor.
Sul mercato italiano si è affacciata nei primi giorni del 2007, come apprendo da alcuni forum.
In questi forum è spesso la signorina France a portare a conoscenza i partecipanti della nuova AlloSponsor.it.




Affiliati e inserzionisti, come?

Come tutte le società di pubblicità, anche AlloSponsor dispone di account per inserzionisti e per affiliati.
Diversamente da altre società, un affiliato ha contestualmente un account di inserzionista, che può decidere di utilizzare anche con i proventi dell'account di affiliato.
Naturalmente chi vuole può essere pagato in denaro, ma per chi non svolge questa attività come professione potrebbe essere vantaggiosa questa altra opzione.
L'opportunità permette a piccoli webmaster di poter far crescere le visite del proprio sito, utilizzando, al posto della moneta, la conversione dei crediti guadagnati con AlloSponsor.it.
Questo meccanismo di reversing ha in sè un potenziale: permette ai webmaster di reinvestire la pubblicità nel proprio sito attraverso pubblicità per il proprio sito , senza avere fastidiosi adempimenti fiscali, come la partita IVA, e senza spendere un soldo.
Art.5 del contratto "Condizioni Generali": [omissis] Le commissioni dovute al Partner possono anche essere, a scelta del Partner, trasformate in codici d'accesso AlloSponsor validi, permettendo al Partner la sponsorizzazione di uno o più siti sulla rete AlloSponsor. [omissis]
Inoltre, per come è strutturato il sistema di sponsor e l'effettiva remunerazione, trovo inverosimile che AlloSponsor possa essere appetibile a webmaster che gestiscono siti di medio e grande traffico (cioè dai 5000 unici/giorno in su).
Trovo molto più verosimile, invece, che AlloSponsor sia appetibile per gli inserzionisti, in quanto il sistema, come vedremo, è molto sbilanciato a loro favore.
AlloSponsor dichiara apertamente che sono accettate tutte le tipologie di siti:
Potete utilizzare il vostro link referente qui di seguito presso i vostri amici, sui forum, nelle directory... e così guadagnare il 10% a vita dei redditi generati da altri webmasters ;o)
e ancora:
Sono accettati i tutti i siti, anche i domini di terzo livello.
Invece non sono accettati i seguenti siti, per quanto riguarda i siti SPONSOR, cioè gli inserzionisti:
ATTENZIONE: I siti che aprono una o più finestre popups (o popunders), oltre a quella del loro sponsor AlloSponsor non sono accettati.
Non sono accettati neppure i siti contrari all'ordine pubblico ed al buon costume, a carattere pedofilo, abusivo, diffamatorio, razzista, xenofobo, omofobo, revisionista o mettendo in pericolo l'onore o la reputazione di altri, incitando alla discriminazione, all'odio di una persona o di un gruppo di persone in ragione della loro origine o della loro appartenenza o della loro non appartenenza ad un'etnia, una nazione, una razza o una religione determinata, minacciando una persona o un gruppo di persone, incitando al suicidio, a commettere un'offesa, un crimine o un atto di terrorismo o che fa l'apologia dei crimini di guerra o dei crimini contro l'umanità, che permettono a terzi di procurarsi direttamente o indirettamente software, film o registrazioni musicali pirata, numeri di serie di software, software che permettono gli atti di pirateria e d'intrusione nei sistemi informatici e di telecomunicazione, dei virus ed altre bombe logiche e generalmente ogni attrezzo software o altro che permette di pregiudicare i diritti di altro ed alla sicurezza delle persone e dei beni.
AlloSponsor si riserva il diritto di cancellare senza preavviso ogni iscrizione non che rispetta queste regole.





Cos'è la micro-sponsorizzazione?

Il concetto di microsponsorizzazione si fonda:
• sul fatto che un inserzionista (cioè colui che intende fare pubblicità a un prodotto) sceglie in modo autonomo i singoli siti dove esporre la pubblicità. La scelta è effettuata sito per sito, con il criterio che 1 "codice di sponsorizzazione" = 1 sito sponsorizzato = 1 campagna ;
• sul fatto che è necessaria una minima cifra per poter acquistare precedentemente del credito pubblicitario.
Un "codice di sponsorizzazione" ha un costo variabile a seconda del metodo di pagamento.
Ad oggi è possibile eseguire i pagamenti nel seguente modo:
• con assegno: acquistando un minimo di 50 codici;
• con carta di credito: acquistando un minimo di 10 codici;
• con PayPal: acquistando un minimo di 5 codici;
I codici possono essere acquistati direttamente sul sito web, oppure con altri sistemi di pagamento (audiotel, SMS..).
<<Risparmiate 0,96 Euro per codice ordinandoli direttamente qui...
AlloSponsor.it vi propone codici al prezzo di 1 Euro soltanto (invece di 1,96 Euro per audiotel) !
Non è necessario prendere il telefono, riceverete i vostri codici per mail e questi saranno accreditati sul vostro conto AlloSponsor (evitando possibili errori di battitura) !
>>
Il sito (affiliato) che riceve lo sponsor (inserzionista), può decidere, se non gli garba, di annullare la sponsorizzazione. Questo consente un minimo di manovrabilità anche per gli affiliati.
Tuttavia l'affiliato non può inserire a priori una blacklist di siti sgraditi, come invece avviene in altri circuiti pubblicitari come, per esempio, Google AdSense.
L'affiliato riceve un avvertimento via mail sull'avvio delle nuove campagne e solo allora potrà decidere se lasciarla proseguire oppure bloccarla.
Nel caso il webmaster si accorgesse in ritardo dell'avvio di una campagna sgradita e volesse terminarla, le visite cumulate andrebbero perse, con l'ulteriore aggravante che l'appetibilità della campagna perderebbe valore, tornando a zero visite. Infatti gli inserzionisti abitualmente scelgono di sponsorizzare i siti che danno un maggiore ritorno (numero più alto di visite uniche, che può arrivare anche sopra 1000, come vedremo in seguito) oppure che hanno una maggiore aderenza con i contenuti del proprio sito di destinazione.




Come funziona la visualizzazione degli annunci?

Attraverso il "codice di sponsorizzazione" pre-pagato, agli inserzionisti è garantito un numero minimo di visite uniche pari a 50 (senza meglio specificare se si tratta di 50 per giorno, per mese, o in totale... e alludendo a un "giorno per giorno" alquanto equivoco):
<<Attenzione: Se non avete inviato il minimo garantito di 50 visitatori a questo inserzionista da qui ad 1 mese giorno per giorno, la campagna potrà essere annullata e rimborsata all' inserzionista se quest ultimo ne fa richiesta. Non guadagnerete allora nessuna commissione.>>
A parte il pessimo italiano utilizzato, sebbene mi è stato riferito che è stato un italiano a correggere la traduzione..., è chiaro che un dubbio del genere deve essere spiegato.
A una mia precisa domanda France ha specificato che:
<<...se non mandi 50 visitatori al tuo sponsor in un mese quest'ultimo potrà richiedere il rimborso... è cosi... e come detto nella mia mail di prima, ancora non mi è capitato ;o)..>>
chiarendo che i visitatori unici sono 50 in un mese (non giorno per giorno), ovverosia che lo sponsor potrà chiedere il rimborso, solo se entro un mese non ha ricevuto dall'affiliato 50 visite uniche.
La signorina France precisa che nei rarissimi casi in cui questo è accaduto, a discrezione di AlloSponsor, si è proceduto a consegnare allo sponsor un nuovo codice e la commissione all'affiliato.
Ciò significa che fino a che non saranno terminate le 50 visite uniche, l'annuncio dell'inserzionista sarà esposto nella o nelle pagine del sito affiliato scelto. Altrettanto vero è, come vedremo nel dettaglio più avanti, che lo sponsor continuerà a ricevere altre visite uniche sino a che un altro nuovo sponsor non lo sostituirà, a prescindere da quante centinaia di viste la campagna abbia generato.
La sponsorizzazione è diretta, pertanto l'inserzionista decide quale sito esattamente sponsorizzare. Per questa ragione è fondamentale sponsorizzare siti web che abbiano attinenza col proprio sito al fine di avere un reale ritorno tangibile.




Come sono visualizzate le pagine?

Il sistema di visualizzazione è effettivamente una scelta azzardata, da parte di AlloSponsor.it.
Infatti sono utilizzate nuove finestre popunder, cioè finestre che appaiono al di sotto della pagina che si stava navigando. Il visitatore avrà una popunder sola per ogni campagna, nell'arco di 24h: cioè se visita più pagine contenenti una sola campagna, riceverà una sola volta la popunder.
Rimangono le mie personali perplessità sul fatto che questa tipologia di visualizzazione possa irritare il visitatore, che si troverà una pagina per la quale non aveva eseguito una specifica volontaria richiesta.
Tra l'altro, nel caso in cui il visitatore stia utilizzando Firefox (18%), la visita si tradurrebbe in un'apertura di una nuova scheda o finestra popup, che personalmente ritengo fastidiosa.
È comunque vero che se lo sponsor del sito affiliato ha contenuti coerenti, il visitatore troverà nella pagina popunder una continuità di informazioni che stava cercando.
È quindi di fondamentale importanza che lo sponsor (cioè l'inserzionista) scelga accuratamente il sito su cui inserire il proprio annuncio (sito affiliato), perchè se i due siti dovessero essere di categorie diverse, allora veramente il visitatore potrebbe avere l'impressione negativa di entrambi i siti web.
È da sottolineare che spesso firewall e browser annientano questo tipo di finestre popunder. Questo tuttavia non rassicura sulla funzionalità del sistema, infatti questa particolarità di non poter visualizzare le finestre popunder si ripercuote anche sul fine ultimo di diffondere un messaggio pubblicitario.
Se volessimo quantificare in media quante persone, in Italia, non utilizzano sistemi che bloccano popunder e popup, potremmo azzardare un valore compreso fra il 25% e il 50%. Infatti sono gli stessi browser oggi (Firefox, Internet Explorer, Opera...) a essere impostati per bloccare questo tipo di finestre.
Inoltre è da tenere presente che i codici utilizzati per esporre la campagna contengono in particolare <iframe>, che, oltre a essere un tag non conforme al W3C, è altrettanto ignorato da alcuni browser.
Probabilmente in Francia, terra natia di questo sistema, i visitatori non sono affatto infastiditi dalle popunder, tanto che a una mia personale domanda circa la possibilità per l'affiliato di scegliere altre metodologie di pubblicità, la risposta che mi è stata data è:
No, il sistema AlloSponsor leader del suo mercato in Francia dal 2002 non vuole cambiare il suo sistema.
Spero per AllSponsor che abbiano valutato bene i riflessi di questa scelta categorica. Un "No" secco di fronte a un mercato che non è della tua stessa opinione, potrebbe mettere a repentaglio il business. Il mercato italiano, infatti, potrebbe non gradire questo modello pubblicitario.
Tra i forum italiani i webmaster più esitanti di fronte a questo sistema sono quelli che gestiscono siti di degne dimensioni. Alle loro perplessità aggiungo anche le mie. Vedremo... la cosa migliore è testare personalmente.




Come si presentano i banner del panorama AlloSponsor

da inserire sul proprio sito?

Sono disponibili solo 3 formati di sponsorizzazione, più un link testuale per i referrer.
Il primo personale approccio con uno dei codici, quello fluttuante, è stato orribile.
fluttuanteIl codice fluttuante, un <javascript> mal costruito, va in conflitto con quanto già disposto nel sito, rendendone impossibile l'utilizzazione (spezza i <div>, si posiziona in alto, nel mezzo... un pò dove pare a lui...). È un peccato, perchè è il tipo di banner che sicuramente farebbe più presa tra i visitatori. Infatti questo banner si dovrebbe posizionare nel basso a destra della finestra, scorrendo nel caso in cui il navigatore utilizzasse la barra verticale di navigazione. Il banner quindi rimarrebbe nella zona bassa della finestra, anche quando la pagina è molto lunga e il visitatore la legge da cima a fondo.
467x60
159x131Gli altri due formati sono 467x60 pixel e 159x319 pixel. Formati anomali certamente scelti per evitare i blocchi automatici presenti nei firewall per formati 468x60 px e 160x320 px. Questi 2 formati hanno il difetto di essere contenuti in <IFRAME>, che, come immagino saprete, sono malvisti dal W3C (del resto anche i javascript non è che siano ben visti...).
La grafica lascia un pò a desiderare: una cornice nera è sempre presente nella versione 159x319; è possibile personalizzare solamente: colore di sfondo, colore di testo e colore del link. Ovviamente il link presente nel banner, una volta inserito nel proprio sito, è uno solo, quello dello sponsor del momento, oltre a quello che rimanda a AlloSponsor.it. Per ogni campagna che si intende mettere a disposizione degli inserzionisti è possibile settare i colori e il formato. Disponendo di più campagne è possibile utilizzare per ciascuna campagna colori diversi.






Massimizzare il numero di campagne

L'equilibrio tra inserzionista e affiliato si ottiene quando le visite uniche inviate in una campagna sono pari a 50, cioè il minimo garantito. Cosa succede nel caso in cui un affiliato invii 50 visitatori unici in un solo giorno?
<<un altro inserzionista potrà sostituirlo appena sono stati inviati i 50 visitatori unici... non si parla in tempo ma in quantità... per 1€ lo sponsor riceverà un minimo garantito di 50 visitatori unici, può darsi in
1 ora (alcuni siti generano molto traffico) può darsi in 10 giorni...
>>
Teniamo presente che ogni affiliato può creare potenzialmente infinite quantità di campagne, decidendo di diffonderle per mezzo dei banner in una sola pagina oppure in più pagine.
Chiaramente se un webmaster decide di usare una sola campagna, avrà a disposizione un solo sponsor per volta, mentre se il webmaster decide di attivare (se trova sufficienti sponsor per farlo...) 100 campagne contemporaneamente , potrà disporre di 100 sponsor diffusi in più pagine, vale a dire di 100 commissioni.
Tuttavia occorre fare molta attenzione nel diffondere troppe campagne nel proprio sito web:
<<...se un sito mette una diversa campagna per ogni pagina non avrà più 1000 o 1500 visitatori al giorno perchè suo sito sarà proprio seccante per i suoi visitatori che non torneranno di sicuro (per quelli che non bloccano i pop, certo) ^_^ . A parte gli scherzi, se il sito avesse 50 pagine con lo stesso argomento, gli consiglierei di mettere una sola campagna nella sua Home Page e magari lo stesso codice banner in tutte le sue pagine (ciò genererà solo un popunder per ogni visitatore/24 ore nel suo sito, invece di 50 se il visitatore guarda tutte le pagine !).
Interesserà anche di più agli sponsor, per la massima visibilità del banner...
>>
La campagna può essere sospesa, ma chiaramente l'appetibilità della campagna perde valore nei confronti degli inserzionisti, i quali possono vedere il reale andamento di tutte le campagne attraverso una TOP list. Dalla TOP list è possibile individuare quali campagne consegnano più visitatori agli inserzionisti. Così possiamo dire che c'è sia l'interesse a bilanciare le visite inviate in merito alla commissione ricevuta (0,45€ da 50 visite in su), sia a essere un affiliato che invia tante visite uniche, ben al di sopra delle 50 minime garantite.
<<l'affiliato guadagna 0,45€ ogni volta che il suo sito è sponsorizzato. Ogni campagna si fa per un minimo di 50 visitatori unici, poi dipende dagli sponsor... se nessuno sponsorizza il suo sito per 5 giorni (ad esempio), il suo sponsor rimane lo stesso. La media attualmente è di 264 visitatori per ogni campagna >>
A onor del vero AlloSponsor.it dichiara sulle proprie pagine web un valore medio di 311 visite uniche per ogni campagna. La media è un valore dinamico che ogni sponsor può conoscere per ogni affiliato. Questo cosa ci insegna? Che in realtà il numero medio di visite uniche è ben più alto delle 50. Tuttavia occorre considerare che ogni singolo sito o pagina web può generare una rendita estremamente diversa in base alla tipologia di visitatori.

La signorina France precisa a tal proposito che:
<<AlloSponsor non paga al popunder come tanti altri siti... paga 0,45€ per ogni sponsorizzazione del sito affiliato e basta... >>
Questo è a mio avviso uno dei punti dolenti, in quanto se prendessimo, per esempio, il numero medio di visitatori inviati e lo usassimo per confrontarlo con gli altri sistemi che pagano secondo il numero di pop, scopriremmo che ogni invio di pop sarebbe mediamente pagato:
0,45€ / 311 = 0,00144 €
È un valore molto basso, anche considerando che altri circuiti arrivano a pagare sino a 0,001€/pop.

È importante avere un alto numero di visite uniche consegnate agli sponsor, perchè così le campagne prendono valore agli occhi (e portafoglio...) degli inserzionisti, ma se questo numero di visitatori sale vertiginosamente significa che stiamo inviando in modo gratuito altre visite uniche allo sponsor. L'ideale è che la nostra campagna sia molto contesa tra i diversi sponsor, a tal punto da renderla fluttuante subito dopo le prime 50 visite uniche.
È inoltre da sottolineare che nel link presente nel banner esposto ci sono importanti informazioni.
Un potenziale inserzionista che cliccasse su questo link, troverebbe una pagina contenente, oltre a una breve spiegazione, le seguenti informazioni riguardanti il sito dell'affiliato:
- nel caso in cui l'affiliato non abbia ancora generato le 50 visite uniche, avverte che la sponsorizzazione sarà messa in attesa;
- indica la media di visite che gli sponsor hanno ricevuto con questo affiliato (nel caso della finestra che ho aperto io la media era di 367);
- indica al potenziale nuovo sponsor quali erano i 3 sponsor precedenti e come sono andate le campagne (numero di visite complessivo totalizzato).




Proviamo a fare due conti, senza pretesa di essere precisi

Quanto è realmente possibile guadagnare con AlloSponsor nel proprio sito web?

Sul sito di AlloSponsor.it una calcolatrice, della quale non è conosciuto il metodo di calcolo, permette di ottenere un ampio range di possibile guadagno semplicemente inserendo il numero di visite uniche del proprio sito. Così, per esempio, se inseriamo in questa calcolatrice un numero di 1000 visite uniche, otteniamo un valore compreso tra 43,41€/mese e 135€/mese.
Un asterisco richiama a una nota a margine scritta in piccolo:
Questa stima è basata sul numero di visitatori che avete dichiarato e sul tasso medio di rinnovo attuale degli inserzionisti sulla rete AlloSponsor. I risultati di questo calcolo non possono essere considerati come un impegno di redditi da parte della società Abricot Media SARL che pubblica la rete pubblicitaria AlloSponsor. E soltanto una stima che può variare in funzione della domanda di campagne sulla rete AlloSponsor e del numero di siti supporto, del contenuto del vostro sito e del tasso d'utilizzo di sistemi anti-popup da parte dei visitatori del vostro sito.
Questo è invece quanto ho ottenuto in risposta dalla signorina France:
<<La calcolatrice permette di dare un'idea media di quello che l'affiliato può guadagnare e tutti i siti non hanno gli stessi visitatori, quindi non hanno lo stesso numero di popup bloccati. Il programmatore l'ha ottimizzata al massimo con le statistiche (per dare voglia di provare ma anche stando attento a non dare troppo speranza/illusione, sempre perchè tutti i siti sono diversi).>>
Il chiarimento della signorina France in merito alle mie perplessità sul calcolo non ci aiuta un gran chè.
Provo allora a prendere ad arbitrio i dati necessari per il calcolo:
ipotizziamo (A) che:
- il sito abbia 1000 visite uniche per giorno;
- che gli sponsor si rinnovino con un ciclo medio di 400 visite uniche totali (che secondo me rimane un valore ottimista, anche se in contrasto coi valori dichiarati in diverse riprese da AlloSponsor);
- che in Italia le popup siano bloccate per un valore pari al 40% (dato ottimista, che comunque mi riservo di verificare in fonti attendibili);
- che la commissione in AlloSponsor sia pari a 0,45€ (attenzione che non tutte le commissioni sono pari a questo importo, anche se sicuramente questa è di gran lunga la più applicata);

OTTENIAMO UN VALORE DI RENDITA MEDIA MENSILE COSÌ CALCOLATA:
calcolo il numero totale delle visite uniche in un mese:
1.000 x 30 = 30.000 visitatori unici / mese

ai quali applichiamo un tasso di riduzione del 40% eliminando i visitatori che non aprono popup:
30.000 - (40% di 30.000) = 18.000 potenziali visitatori inviati agli sponsor per mese

Ora dividiamo per il ciclo medio di rinnovo degli sponsor, per verificare quanti sponsor potremmo (ma non è una garanzia) avere mediamente:
18.000 / 400 = 45 campagne potenziali

Ora moltiplichiamo per la commissione:
45 x 0,45 = 20,25 €/mese

Forse il mio calcolo è cautelativo, proviamo con altri fattori in gioco, mantenendo fisso il numero di 1.000 visite uniche per mese nel proprio sito:
Ipotesi (B) di 20% di blocco popup e un ciclo di 367 visite inviate agli sponsor:
[ (30.000 x 0,8) / 367 ] x 0,45 = 29,43 €/mese

Ipotesi (C) di 20% di blocco popup e un ciclo di 264 visite inviate agli sponsor:
[ (30.000 x 0,8) / 264 ] x 0,45 = 40,91 €/mese

Ipotesi (D) di 0% di blocco popup e un ciclo di 264 visite inviate agli sponsor:
30.000 / 264 x 0,45 = 51,13 €/mese

Prendiamo un attimo in esame l'ipotesi (D) e confrontiamola con il risultato restituito dalla calcolatrice disponibile su AlloSponsor: come è possibile che la calcolatrice possa restituire valori così elevati (fino a 135€/mese)? Semplice, prende in esame una casistica surreale (come una bassissima % di blocchi popup e un bassissimo valore per il ciclo degli sponsor).
La signorina France mi fa notare quanto segue:
la calcolatrice è stata creata da un paio di mesi soltanto per dare un'idea ai curiosi. Il webmaster è anche programmatore e si è basato sulle statistiche di AlloSponsor + una media probabile di utenti che bloccano i pop per creare lo script... nè troppo nè troppo poco... ;o).
Al di là di questo dubbio, una rendita aggiuntiva al proprio sito pari a 40€/mesex1000visite o 50 €/mesex1000visite, non è proprio da buttare.
Con x1000 visite intendo visite reali, pertanto se il tuo sito facesse per esempio 2000 visite uniche, il guadagno che ne potresti potenzialmente ricavare sarebbe grosso modo di 100€/mese.




Limitazioni del servizio:

Riporto testuali parole:
Il Partner s'impegna a non installare il servizio di sponsorizzazione con micro-pagamento di AlloSponsor in siti che possiedono un'udienza inferiore a 50 visitatori unici al mese (secondo le statistiche AlloSponsor).
Ho chiesto chiarimenti alla signorina France: fate attenzione perchè mentre loro scrivono "siti" intendono dire "pagine". Esprimo il concetto a parole mie: sostanzialmente AlloSponsor non vuole che le campagne producano meno di 50 visite uniche per mese. Per far ciò è di fatto vietato inserire le campagne in una o più pagine che non producano almeno 50 visite uniche per mese. Questa limitazione fa il paio con la possibilità da parte dell'inserzionista di chiedere il rimborso nel caso in cui la campagna di sponsorizzazione non abbia prodotto 50 visite nell'arco del mese.




L'affiliazione a reclutamento, cos'è e come funziona:

AlloSponsor vi propone un sistema di reclutamento che vi permette di guadagnare il 10% dei redditi delle vostre reclute senza limitazione nel tempo !!
Sorvolando sulla traduzione italiana....
È prevista la possibilità di proporre AlloSponsor.it attraverso referrer, ovverosia pubblicizzando AlloSponsor attraverso banner e link testuali.
Ogni referenza confermata, cioè ogni webmaster che si iscrive al circuito di AlloSponsor.it a seguito del proprio collegamento, dà la possibilità di ottenere un ritorno del 10% del guadagno del nuovo affiliato. In questo modo è possibile aumentare i propri guadagni, o i "codici di sponsorizzazione", anche attraverso la diffusione del circuito, semplicemente consigliando l'iscrizione di altri webmaster. Ovviamente i webmaster affiliati devono generare un guadagno, perchè conosciamo bene la regola matematica secondo cui qualsiasi numero moltiplicato per zero è uguale a zero... Il 10% non è un gran chè, ma è per ciascun webmaster nuovo affiliato. Sta poi alla bravura e alla credibilità dell'affiliato ottenere diverse nuove affiliazioni con la propria referenza.




Le categorie disponibili per le pagine web:

A titolo informativo inserisco qui di seguito le categorie disponibili per la catalogazione delle proprie pagine web e quindi delle campagne in AlloSponsor.it.
• Il TOP (i siti e le pagine web, cioè le campagne, che hanno generato più visitatori unici)
• Affiliati Prestige (cioè siti che hanno ottenuto il bollino di Prestige, attualmente 12)
Adulti, Altro, Attualità, Bambini-Gioventù, Cinema-TV, Cultura-Arte-Letteratura, Directory-Liste di siti,
E-commerce, Economia-Imprese, Gastronomia-Vino, Giochi-Software, Internet-Webmasters,
Istruzione, Lavoro-Annunci, Musica, Pagine personali-Blogs, Scienza-Salute, Sport, Turismo-Viaggi,
Umorismo, Siti che accettano gli sponsor per Adulti.




Pagamenti agli affiliati tramite PayPal e assegni:

ARTICOLO 5 - COMMISSIONI E VERSAMENTI [omissis] << Il pagamento, per assegno o tramite Paypal, delle commisioni al Partner può essere fatto a partire da un importo di minimo di EUR 10.00, e questo tramite una espressa domanda da parte del Partner, fatta con il modulo di domanda di pagamento delle commissioni presente nel Spazio Utente d'AlloSponsor.
Le somme depositate sul conto del Partner a titolo di commissione non maturano nessun interesse né convenzionale né legale.
Gli assegni di commissioni, per il servizio AlloSponsor essendo pubblicato da una società francese, sono emessi da una banca francese e formulati in Euro. Le eventuali spese d'incasso e/o di cambio saranno a carico del Partner.
Il Partner è tenuto a dichiarare alle autorità competenti i redditi che ha percepito da AlloSponsor. AlloSponsor non può essere ritenuto responsabile della non dichiarazione di questi redditi.
>> [omissis]
Un pagamento così minuzioso è l'ideale per i piccoli webmaster amatoriali. Anche se vi sconsiglio di prendere denaro se non disponete di una partita IVA. Reinvestite in pubblicità, utilizzando il credito nello stesso circuito AlloSponsor.
Nel caso vi facciate pagare tramite assegno, fate molta attenzione, in quanto le spese per un assegno internazionale sono salate!
Purtroppo manca la tipologia di pagamento per mezzo di conto corrente, come se non si tenesse conto dei professionisti, che, stante la recente legge Bersani, sarebbero facilitati nell'utilizzare un c/c per trasferirvi i proventi.




Infine alcuni consigli per lo staff di AlloSponsor.it:

Una nota di merito va spesa a favore della signorina France, che è stata davvero disponibile. Ha sopportato la mia testardaggine unita al mio insolente, ma paziente, intrufolarmi nei cavilli del regolamento e nei meccanismi del sistema.
France assicura che non è un trattamento di cortesia riservato a me: l'assistenza risponde 24/7, cioè tutti i giorni, compreso la sera.
Cosa aspetti a tartassarla anche tu? :o)
• Alcune pagine contengono una traduzione dal francese che è di difficile comprensione, o che comunque non rispecchia l'italiano corrente. Trattandosi di informazioni necessarie a un'attività nella quale circola denaro, direi che questo non è accettabile. AlloSponsor deve impegnarsi a tradurre correttamente le pagine, non in modo artigianale o improvvisato.
• Alcune pagine, come per esempio quelle della ricerca nella TOP dei siti, sono di lunga navigazione in quanto mostrano solo un determinato numero di siti per pagina, quindi è necessario visualizzare decine di pagine. È possibile scegliere secondo categoria, con pagine filtrate, ma attenzione che le categorie non ci sono tutte, pertanto si rischia di lasciar passare un sito.
• Il codice affiliato del banner (tipo 2) che si posiziona in basso a destra nelle pagine si lascia influenzare dal resto del codice della pagina. Infatti al primo caricamento era in alto a sinistra! Meglio specificare come deve essere utilizzato, oppure cambiare il posizionamento del codice per mezzo dello script.
• La gestione dei propri siti da affiliato, ovvero delle proprie pagine web è abbastanza complicata, specialmente se si dispone di decine di campagne contemporaneamente: sarebbe opportuno assegnare a ogni campagna un nomignolo, inserendo la lista di campagne in una pagina d'accesso più snella.
• La blacklist è generata per somma di sponsor negati, cioè solo dopo che uno sponsor ha scelto, l'affiliato può includerlo nella blacklist. È un controsenso che non porta vantaggio nè all'inserzionista, che vede chiudersi la campagna prima della fine, nè dell'affiliato, che perde visibilità per l'azzeramento delle visite inviate. Sarebbe corretto disporre di una blacklist dove poter inserire da subito i siti che all'interno del circuito non ci sono graditi, o per i quali pensiamo che il modello di business non sia adeguato per le nostre pagine web. Tanto più che tutti i siti iscritti al circuito sono ben visibili e conosciuti a tutti...
La signorina France precisa che gli sponsor potrebbero non essere affiliati, pertanto non tutti i siti sono visibili.
• Per ogni campagna avviata, accettata e sponsorizzata è inviata una mail. Forse un sistema di riconoscimento tramite pannello di controllo sarebbe diversamente gradito piuttosto che ricevere decine di mail semi-automatiche. Anche se è possibile selezionare se ricevere o no le mail, ritengo che questa opzione debba essere divisa tra "mail che avverte dei nuovi sponsor" e "mail che avverte dell'accettazione delle campagne". In questo modo si potrebbero ricevere solo le mail vitali, cioè quelle che avvertono del nuovo sponsor.
• Per chi ha poche pagine web e molto tempo da dedicare alla gestione delle campagne, la micro-sponsorizzazione può essere un buon divertimento. Mentre per chi ha centinaia di pagine web e poco tempo da dedicare alla gestione assidua delle campagne, la micro-sponsorizzazione si traduce in macro-perdite di tempo e di profitti. Certo è che non c'è molta cura per i navigatori del web, le micro campagne possono nascondere continuamente insidie sia per i visitatori sia per i webmaster. I siti sponsor sono automaticamente accettati, se permettete, trattandosi di sponsorizzazioni a visite uniche, gradirei avere la possibilità di abilitare gli sponsor, anche se questo richiederebbe ulteriore tempo... (nè blacklist a priori, nè abilitazione a posteriori... troppo a favore degli inserzionisti...).
Le categorie di inquadramento delle pagine web sono molto limitate. Con mia grande sorpresa, la categoria "computer" non è nemmeno contemplata, costringendomi a iscrivere le pagine delle GUIDE PER PC nella sezione "istruzione" oppure nella sezione "giochi-software" oppure in "internet-webmaster". Se non ci sono sufficienti categorie è ovvio che non può esserci un ritorno efficace. Una micro-sponsorizzazione dovrebbe avere anche una micro-catalogazione :O) ;
• La calcolatrice per verificare approssimativamente i guadagni ottenibili con il proprio sito dà i numeri: è sufficiente prendere una vera calcolatrice e ragionare, per verificare inconfutabilmente che non è possibile ottenere 135€/mese con 1.000 visite uniche. D'accordo enfatizzare i guadagni, ma creare attese che poi saranno deluse pone il circuito AlloSponsor tra gli inaffidabili. Perchè non avete, per esempio, considerato di eliminare questa calcolatrice? :-)
Comunicare, comunicare, comunicare... Manca un'adeguata comunicazione sulle esatte funzionalità del sistema. Non ci sono faq, nè una seria guida passo-passo, nè esempi e certamente il francese tradotto malamente (l'ho già detto? Meglio ribadire!) non aiuta a comprendere. Signorina France, cosa ne pensa di installare un forum o un blog o una bacheca dove inserire alcune guide e spiegazioni e eventualmente rispondere a inserzionisti e affiliati? :O)

Il webmaster - 30-10-2007



Disclaimer

Visibilmente non è in alcun modo collegato ai marchi menzionati in questa pagina. Visibilmente declina ogni responsabilità per l'uso delle informazioni riportate in questa pagina. Questa semplice guida scritta dal webmaster Paolo Orlandini è da intendersi indicativa. Il webmaster ti invita a documentarti correttamente attraverso i manuali utente dei rispettivi siti. Eventuali informazioni legali o fiscali sono indicative: si invita a documentarsi sulla legge dello stato italiano, onde evitare di cadere in sanzioni, per le quali Visibilmente non si riterrà responsabile.

Menù Guide PC:



Pubblicita e affiliazione per micro-sponsorizzazione

Segnalato da:

» Vedi tutti siti «
I siti dove Visibilmente è segnalato:





| Info | Copy | Contatti | F.A.Q. | Statistiche | Motore di ricerca interno | Mappa | TOP100 | Directory |
dal 2004 Visibilmente.com powered by Paolo Orlandini - Tutti i diritti sono riservati - è vietata la riproduzione totale e parziale.