Il riscatto di un cuore offeso

di Paolo Orlandini


Si trascinava con passo stanco, batteva lento
al calar del sonno, reggeva a stento
quel tepore d’affetto che spesso alimenta
il tramonto della passione ormai spenta.

Seduto su una fredda panchina, nel viale
dei salici piangenti, senza saper quale
destino lo avrebbe di lì a poco atteso,
sognava invano questo cuore offeso.

Una brezza di vento gli sussurrò che quella notte
qualcuno lo avrebbe rapito. Durante quel sonno
pesante dei sensi, una fata buona lo strinse al petto
e se lo portò via senza alcun affanno.

Lei, con una ghirlanda di fresche emozioni,
annodò al proprio collo quel cuore appena risorto
e gli regalò, con un dolce gesto, il fuoco intenso delle passioni.
Non v’è riscatto per un cuore che navigava senza un porto.

Ora il viale dei salici è un mare di sabbia e si vede, verso l’orizzonte,
la tenera luce dell’alba che unisce le loro anime come un ponte.

Paolo Orlandini - 25-07-2005


Tutti i diritti sono riservati : è vietato l'utilizzo dei testi per qualsiasi scopo.

| Info | Copy | Contatti | F.A.Q. | Statistiche | Motore di ricerca interno | Mappa | TOP100 | Directory |
dal 2004 Visibilmente.com powered by Paolo Orlandini - Tutti i diritti sono riservati - è vietata la riproduzione totale e parziale.